Cosa ho scritto?

typewriter-trasp

 

Perché uno psicologo scrive?

Nell’attività clinica e nella psicoterapia il momento dell’agire è sempre in relazione con il momento dell’autoriflessività: ponendosi delle domande su quel che sta accadendo, il clinico è orientato nelle proprie azioni; e queste, a loro volta, generano nuove domande.
Il terapeuta, nel misurarsi con i sistemi umani, in bilico fra il nuovo e il noto che incontra nel dialogo con le persone, è, in qualche misura, anche un ricercatore.
“Cosa sta accadendo?”, “In che modo somiglia a quello che conosco e che c’è nelle mie teorie?”, “In che modo se ne distacca?”: così nel lavoro coi colleghi, nel riflettere su quanto accade nella pratica (è un vecchio pregiudizio quello che vuole che il pensare preceda il fare: sappiamo invece che si trovano in relazione reciproca), nascono nuove idee e nuovi punti di partenza per il proprio lavoro. Quando va bene, anche per quello di altri.
Per queste ragioni nel mio mestiere il momento della scrittura e della condivisione con altri (colleghi e non) dei pensieri che emergono dal lavoro, è una necessità di crescita ed evoluzione.

I commenti sono chiusi